la Luisona e la Madeleine

Un blog di cucina coerente

Tanta roba

Ovvero faccio cose (quando) vedo gente
Ovvero due crostoni e siamo tutti più contenti

Crostoni alla mousse di rucola e al caprino e miele.
Dosi per un’infinità

Una forma di pane in cassetta


120gr rucola
200gr philadelphia
60 gr pinoli o mandorle
parmigiano a piacere
sale
una punta di zucchero
20gr olio e.v.o.


Caprino fresco o formaggio di capra a pasta filata
40gr gherigli di noce
3 cucchiai di miele
2 cucchiai di latte
sale
pepe
noce moscata

Per la mousse di rucola basterà buttare tutto nel robot e ridurre in poltiglia, aggiungendo, però, solo all’ultimo il philadelphia, amalgamandolo più delicatamente.

Cattura2

Per l’altra farcitura, tritate le noci al coltello e in una terrina mischiatele agli altri ingredienti.

Tagliate il pane a fette e mettetele a tostare in forno; a metà cottura tiratele fuori dal forno e farcitene metà col secondo composto e sopra ogni fetta farcita adagiate un pezzetto di caprino (se servite il tutto caldo, vi consiglio un caprino a pasta filata; diversamente un qualsiasi caprino fresco sarà perfetto).

Rimettete in forno finché i crostini “nudi” non saranno ben dorati e gli altri belli gratinati.

Farcite quelli nudi con la mousse di rucola.

La mousse di rucola è un ottimo contorno per gli hamburger di melanzane, per i quali serviranno una grossa melanzana, cinque o sei fette di pane, molte foglie di basilico, sale e spezie a piacere.

Cuocete in forno o in micro la melanzana, tagliatela a pezzettni e schiacciatela con tutta la buccia.
Non la riducete in purea, è piacevole che si senta sotto i denti e il viola della buccia regala un aspetto piacevole anche dopo la cottura.

Aggiungete il basilico e tanto pane a pezzetti quanto basta perché il composto sia lavorabile e non troppo appiccicoso (io il pane l’ho lasciato a pezzetti per pigrizia, ma poi, mangiandolo, il contrasto di consistenze è risultato piacevole).

Fate gli hamburger, sì, insomma, le pallette schiacciate.

Scaldate una padella con poco olio d’oliva e cuoceteli finché non diventano dorati e croccanti (io arrivo al bruciacchiato ma non è detto che sia una buona idea).

Tricks

– Direi che non servono suggerimenti, ma, al solo titolo informativo, volendo far da voi il pane, la mia ricetta prevedeva 500gr di farina; 300ml di latte; 30gr di burro; 3 cucchiaini di sale; una bustina di lievito di birra secco e due cucchiaini di zucchero.

– Potrete conservare gli hamburger, crudi, in freezer su un vassoio alternati a fogli di carta forno. Per poi cuocerli occorrerà prima che si scongelino completamente.

2 Discussions on
“Tanta roba”

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.