la Luisona e la Madeleine

Un blog di cucina coerente

Pretzel o brezel? Comunque ancora pane

Presumo che non se ne sia accorto nessuno, ma sabato non ho aggiornato il blog. Ero altrove, avevo il PC, non avevo voglia.
Son stata a Cagliari per pochi giorni. Dice: dove vai quest’estate? Andrò in vacanza in Sardegna… e tutti invidiosi. Poi, certo, che sia casa mia è un dettaglio.
Vabbè comunque sono tornata e adesso vi scrivo un’altra ricetta di pane. Carasau? No: pretzel.
Per farli, in teoria, dovreste allertare la protezione civile o almeno i pompieri perché avreste bisogno della soda caustica e potreste farvi molto male.
Io, che mi faccio male con molto meno, la soda caustica la evito e uso il bicarbonato… anche perché se no ti tocca dividere i preziosi nodini con quelli dei soccorsi.
I pretzel hanno forma di nodo, appunto, e spesso si trovano croccanti, ma morbidi e caldi sono un altro mondo. Enormi sono molto belli, ma piccoli si rivelano utilissimi quando si riceve in piedi.

Dosi per non so quanti pretzel
500 gr farina
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiaini di sale
280 ml acqua
40 gr burro
una bustina di lievito di birra secco

2litri d’acqua
16 cucchiaini di bicarbonato
un cucchiaio di zucchero

sale grosso

Il primo passaggio è il solito: farina, zucchero, sale fino, acqua, burro e lievito lanciati nel robot fino a ottenere un impasto bello liscio e poi il giusto riposo di qualche ora fino al raddoppio. Oppure l’eterno riposo, con molto meno lievito e molte più ore, facciamo giorni, se siete pignoli… ma ancora vi chiedo scusa? No.

Quando l’impasto è bello ciccione, mettete sul fuoco un pentolone one one con l’acqua e lo zucchero e quando bolle aggiungete il bicarbonato, che farà reazione invadendovi la cucina, quindi vi serve che il pentolone sia davvero grande.

Dividete l’impasto a metà e ogni metà in due parti e proseguite così fino alla grandezza che desiderate ottenere per i pretzel considerando che crescono un po’.
Vi ritroverete a questo punto con tante pallette che vi guardano come makkurokurosuke: il passo successivo sarà dare a ciascuna la forma di un bastoncino, il più sottile possibile, e poi fare i fiocchi. Nulla vi vieta di cimentarvi in una gassa d’amante o in un bottone cinese, tanto se le pallette sono tante la fantasia vi passa subito.

pretzel-o-bretzel-al-formaggio-impasto-crudo

pretzel o brezel cucinati senza soda caustica ma col bicarbonato impasto crudo

Fate bollire i pretzel, pochi alla volta, per circa un minuto. Scolateli, aspettate un minuto e poi cospargete la parte superiore con del sale grosso.

Infornateli al massimo calore per 15 o 20 minuti, o comunque finché non saranno belli abbronzati. Il bicarbonato contribuirà all’abbronzatura e, nello sviluppo in forno, le parti che non ci sono entrate in contatto rimarranno più chiare, rendendo i pretzel ancora più belli.

pretzel-o-brezel-col-sale-grosso

pretzel o brezel cucinati senza soda caustica ma col bicarbonato cotti

Potevo io non metterci il formaggio?
Che ve lo dico a fare.
Quasi a cottura ultimata, su alcuni cui non avevo aggiunto il sale grosso ho messo del groviera a scaglie che ho poi lasciato sciogliere in forno e cosparso di pepe nero, una roba così, leggera.

0

Leave A Comment

Your email address will not be published.