la Luisona e la Madeleine

Un blog di cucina coerente

Di libri e di muffin seduti

muf2

Non so quale sia il vostro approccio ai testi culinari; io li leggo, come romanzi, dalla prima all’ultima pagina.
Ed è per questo che quasi sempre rimango delusa: sono, quasi sempre, scritti malissimo, incompleti e poco curati.

Fatte salve le bibbie della massaia “Il talismano della felicità” e “La cucina italiana” che rispecchiano la propria età e una precisione tutt’altro che trascurabile; recentemente mi sono capitati, nell’ordine:

– un libro di pasticceria con la stessa pagina, doppia, inserita in due capitoli diversi;
– un libro sulla cucina a microonde in cui si dimenticava, nella ricetta del puré, di menzionare la fase della cottura delle patate, completamente;
– un libro di cucina vegana in cui nella lista di ingredienti di una ricetta era indicato un UOVO, il quale, ovviamente, non figurava poi nella preparazione.

Questa scarsa cura, che poi rischia di riflettersi sulle preparazioni, è abbastanza fastidiosa, specie considerando che i volumi di cucina, vista la quantità di immagini, sono tra i più cari.

Sono invece curatissimi i volumi stranieri.

Certo, bisogna superare ostacoli come la scarsa reperibilità, spesso la sola edizione in lingua originale e il prezzo impegnativo… eppure vale davvero la pena averne almeno uno e rischiare la franchigia sul chilo in più nel bagaglio a mano, dato che in genere c’è da leggere per giorni!

Amo molto i libri di Nigella Lawson perché piacevolissimi da leggere e perché tutte le ricette che ho provato hanno una resa eccezionale, tanto da darmi sempre il coraggio di affrontare le odiate uova e i risultati son sempre stati delle ottime sorprese.

Quella di oggi è una ricetta che viene dal sito di Nigella; non è sua, ma ha la stessa resa di cui parlavo prima.

Di più è facilissima e a prova di frigo vuoto. (No, non ci vado a far la spesa! Ormai è una questione di principio! A costo di condire gli spaghetti con le Macine della colazione sbriciolate… voglio finire TUTTO!).

Yummy Cheese Muffin
che poi sono i muffin più facili del mondo
che poi non hanno nemmeno le uova

100gr farina
100gr formaggio forte (io avevo solo il parmigiano)
125gr latte
un cucchiaino da caffè raso di lievito per torte salate
sale
pepe
noce moscata

Accendete il forno a 180°

Impastate tutto

Versate negli stampini da muffin imburrati e infarinati

Cuocete per 20-25 minuti.

Assaggiateli freddi!

Tricks

– Per fare i muffin non uso i pirottini perché mi scoccia che spesso vi si incolli parte della preparazione; casomai li aggiungo dopo, appena levo i muffin dallo stampo.

– Il tempo di cottura è relativo, dentro rimangono umidi quindi probabilmente ci vorrà qualche minuto in più perché non sembrino crudi, cosa che sembreranno in ogni caso se li assaggiate subito, quindi evitate.

– Non aprite mai il forno prima dei venti minuti abbondanti: io l’ho fatto ed è per questo che i muffin si son seduti… poco prima sembravano dei bei panettoncini :/

2 Discussions on
“Di libri e di muffin seduti”

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.